All for Joomla All for Webmasters

Per l'industria tessile riutilizzo e sostenibilità

industria-tessile
Confindustria Toscana Nord dopo aver identificato nella carenza impiantistica la principale causa di mancato smaltimento dei rifiuti tessili, si è concentrata sulla promozione di procedure che consentano ai residui di lavorazione di essere classificati, nei limiti del possibile, come sottoprodotti e non come rifiuti. 


Così facendo, grazie ad un decreto del Ministero dell'ambiente pubblicato nel corso del 2017 i suddetti residui potranno essere sottratti al ciclo dei rifiuti ed entrare invece nel ciclo del riutilizzo. Un tale approccio consentirà di limitare l'impatto ambientale dell'industria tessile .

Allo stesso tempo Confindustria Toscana Nord ha elaborato e messo a disposizione delle aziende del settore delle linee guida e una scheda tecnica di semplice consultazione che evidenzia la natura di sottoprodotti, e non di rifiuti, dei residui di lavorazione. Ciò permetterà di ottenere un chiaro esempio di economia circolare, non si dovrà pagare cioè un costo di smaltimento, ma una fattura di vendita a operatori del settore che reimmettono le fibre nel ciclo produttivo. Un' esperienza di tal genere tuttavia non è una vera novità se si pensa che Prato ogni anno rigenera una mole imponente di materiale tessile pari circa a 220.000 tonnellate. Non tutti i residui possono essere riutilizzati per tanto è indispensabile che le istituzioni si assumano le proprie responsabilità muovendosi verso la realizzazione di impianti adeguati. 

Sicilia, il più bel Carnevale è ad Acireale
A Genova fiori protagonisti con EUROFLORA

Related Posts

 

Commenti

Ancora nessun commento
Already Registered? Login Here
Ospite
Domenica, 14 Agosto 2022

Immagine Captcha

Ricevi i nuovi articoli via email

Vai all'inizio della pagina